Menu

Ordine e Caos (2018) Trieste

 

 

COMUNICATO STAMPA

“Ordine e caos”

Mostra fotografica di Diego Salvador

L’autore ci rappresenta in questa Mostra il suo speciale sguardo di fotografo attraverso immagini di potente impatto, capaci di emozionarci e suscitare in noi sensazioni contrastanti.Pace profonda, di fronte alla quiete immobile delle mute presenze contemplanti che sono ritratte nello scenario affascinante e familiare del Molo Audace di Trieste. Chiunque si sia seduto davanti al mare conosce perfettamente la sensazione di silenzio e intima pace da cui si è pervasi e l’opera fotografica n. 1: “Contemplazione” è capace di restituirci appieno quella sensazione. Questa è anche l’immagine emblematica della mostra, un sentito omaggio dell’autore alla Città di Trieste, che con la sua scontrosa grazia ha saputo conquistarlo,  legandolo a sé.Continuando nel tour virtuale di questa esposizione, raccontata a parole, potremo imbatterci nella violenza di emozioni contrastanti determinate, da un lato, dall’ordine rigoroso che traspare dalle immagini in negativo, come quelle del Duomo di Milano, estrema espressione architettonica del Gotico, o del Bosco verticale. Dall’altro lato invece saremo conquistati dalla totale confusione, libertà di immaginazione e sogno, che si prova osservando le caotiche immagini, intenzionalmente mosse e piene di colori, di boschi e alberi del Carso triestino. “Ordine e Caos”: tema ricorrente nelle opere di molti autori latini e greci oltre che di filosofi, ma anche di autori contemporanei e di movimenti artistici, titolo e filo conduttore di questa mostra. Ordine e caos, concetti da sempre contrapposti e capaci di esercitare sull’uomo una potente ed uguale fascinazione perchè, come ha magistralmente espresso Paul Claudel: “l’ordine è il piacere della Ragione, ma il disordine è la delizia dell’Immaginazione”.  Ciascuno faccia parlare dentro di sé, queste immagini.

La mostra, ad ingresso libero, sarà inaugurata venerdì 11 maggio alle ore 18:30 presso la Bottega – Store di Marino Sterle in viale Ippodromo, 16 e resterà aperta fino al 15 giugno 2018